Profit Maximizer – letteralmente “massimizzatore” di profitti – è un software di trading online automatico che promette facili guadagni anche a chi non ha esperienza con le dinamiche finanziarie; per l’estrema facilità di diffusione e di allettamento, il software è facilmente identificabile come un software truffa. Il trading online si presta, purtroppo, facilmente alle truffe e all’inganno di ingenui avventori che realmente ritengono di poter guadagnare grandi cifre in poco tempo. I guadagni facili – non è mai superfluo ribadirlo – sono fallaci e pericolosi.

Cos’è e come funziona Profit Maximizer

I software automatici per trading online – chiamati anche robot per trading o Expert advisor – sono strumenti per l’implementazione di una strategia di trading, ciò significa che una volta scaricato e installato il prodotto è, comunque, necessario collegarsi a una piattaforma certificata di trading, ovvero un broker intermediario in grado di ricevere e attuare le istruzioni inviate dal robot automatico. Il software a sua volta riceve i grafici finanziari ed è in grado di analizzarli e interpretarli, ma le analisi sono limitate agli asset scelti dal trader stesso (esclusi i casi in cui il robot funziona solo con asset prestabiliti e con strategie univoche). L’obiettivo del robot è quello di individuare i segnali di investimento e in base alla strategia impostata avviare le negoziazioni.

Ora, sebbene l’uso dei robot per il trading online presenta, comunque, delle limitazioni, utilizzare un sistema come Profit Maximizer è inutile e deleterio per le finanze perché dietro il software non vi è alcuna piattaforma - legale o illegale – a cui si appoggia. Il rischio è di installare un software vuoto e soprattutto finto che non serve a generare profitto se non per coloro che vendono la licenza del software.

Gli elementi che aiutano a definire Profit Maximizer come una truffa

Come si può capire se un software per trading automatico è affidabile prima di scaricarlo o versare la causale di registrazione (che nel caso di Profit Maximizer ammonta a 250 €)? Esistono degli elementi comuni a tutti i siti truffa che permettono di capire se un robot per trading è autentico oppure no; con un po’ di spirito di osservazione, gli aspetti da osservare sono i seguenti:

  • Il sito: solitamente i siti sono molto scarni e con poche informazioni; quello di Profit Maximizer ha addirittura una sola pagina che invita alla registrazione.
  • Promesse impossibili: si garantiscono guadagni rapidi ed esorbitanti in poco tempo; è una promessa che nessun operatore di borsa può fare per via dell’estrema varietà e volatilità dei mercati finanziari, nonché per l’imprevedibilità del trading che non permette di fare pronostici né a breve, media o lunga scadenza, ma solo statistiche e calcolo delle probabilità. Se fosse realmente così facile guadagnare senza sforzo, il mondo non conoscerebbe la povertà!
  • Senso di urgenza: i siti truffa insinuano un senso di urgenza nell’utente attraverso l’uso di offerte con conto alla rovescia o – come nel caso di Profit Maximizer – mettendo in evidenza che sono rimaste poche copie disponibili e che quelle poche – in base al tempo di permanenza sul sito – dopo un po’ diminuiscono illudendo l’utente con la presenza di altri utenti online disposti all’acquisto e spingere ad una scelta avventata. Gli scettici e chi ancora indugia sul sito dopo poco vedrà comparire un banner che “intima” di approfittare dell’ultima copia rimasta “costringendo” l’utente alla registrazione, instillando quel falso senso di necessità tipico delle tecniche truffaldine. È sufficiente uscire dal sito e rientrare per riattivare il countdown e rendersi conto della falsa urgenza.
  • Finti testimonial: le pagine di presentazione dei siti truffa hanno quasi sempre foto di finti testimonial con citazioni relative alla facilità di guadagno con Profit Maximizer. Le foto riguardano modelle e modelli reperibili su siti che vendono stock di immagini e che pertanto possono essere poi liberamente utilizzate nel rispetto del copyright, ma che sono assolutamente ingannevoli.
  • Finti video di presentazione: i video che illustrano il funzionamento del robot sono creati ad hoc per ingannare e distrarre l’attenzione e gli eventuali testimonial che si prestano in video sono dei fake – a volte anche inconsapevoli di essere utilizzati per scopi illeciti.

immagine per articolo su Profit maximizer

Come guadagnano i promotori di Profit Maximizer? Attraverso la vendita del software, in sé privo di contenuti, l’abilità consiste nel riuscire a convincere l’utente all’acquisto o alla registrazione. Un’altra forma di guadagno è la “raccolta delle e-mail” degli utenti: è sufficiente dare la propria e-mail per richiedere ulteriori informazioni, in realtà dall’altra parte si crea una banca dati di e-mail da vendere a terze parti che utilizzeranno gli indirizzi per attività di spam. Lo stesso vale per i numeri di telefono rilasciati poi ai call center. È dunque importante non rilasciare mai i propri contatti. Infine, Profit Maximizer si riserva un’ulteriore possibilità di guadagno invitando l’utente ad aprire un account di trading presso una piattaforma di intermediazione finanziaria inesistente (oppure reale, ma sulla quale guadagnano una commissione di affiliazione): per l’apertura dell’account è necessario versare un deposito minimo di 250 € per iniziare a fare trading.

La dichiarazione ufficiale della CONSOB e come denunciare la truffa

La CONSOB, l’organo italiano preposto al controllo delle attività finanziarie, ha dichiarato illecito Profit Maximizer sia nella prima versione con l’estensione di dominio “.com” che nelle versioni successive, invitando gli utenti a diffidare e a non iscriversi a Profit Maximizer in quanto priva di ogni certificazione e legittimità a operare sia a livello europeo e italiano. Nel caso in cui si sia stati truffati è bene denunciare e segnalare il sito illecito presso la Polizia Postale e la CONSOB stessa. Purtroppo, non è sempre possibile ottenere la restituzione di quanto sottratto perché i siti truffaldini hanno spesso i domini registrati in paradisi fiscali dove la giurisdizione italiana non ha potere di intervento, ma intanto è possibile far oscurare il sito ed evitare che la truffa si espanda.

I personaggi della truffa: James Forley e Giacomo Colombo

Dietro una grande truffa, a prescindere da quello che possiamo pensare, ci sono sempre grandi meccanismi strategici accuratamente costruiti, che portano il pubblico più inesperto a cadere nelle trappole apparentemente nascoste. Il personaggio che si nasconde dietro all’ingannevole software di Profit Maximer in realtà è un personaggio finto, che non esiste all’interno del mondo reale: James Forley è molto odiato, eppure non esiste. Il sistema è tutto ingannevole, palesemente finto, fallace, una costruzione scenica focalizzata sulla mistificazione dell’informazione diffusa. Se questo personaggio irreale fosse esistito veramente e si fosse veramente fatto un nome in quanto a trader di successo, oggi lo sapremo, perché tutte le riviste di economia ne parlerebbero. Nessuna voce su internet però lo cita in quanto personaggio di successo e nessuna fonte testimonia la metodologia del suo facile guadagno. Nulla testimonia la sua presunta intelligenza e strategia: il tutto è solo una lunga stringa di codice, che descrive come si possa ricevere una guadagno totalmente falsato. Altro personaggio di questa montatura è Giacomo Colombo, anche lui totalmente ingannevole e non risponde ad una vera persona.

Soggetto di una pubblicità video falsa, all’interno della quale viene contattato un giovane ragazzo per fare un semplice video e sponsorizzare “l’incredibile fortuna” di questa realtà.Il presunto Giacomo Colombo, in realtà un centro “Antonio Cantarin”, ovvero uno sviluppatore di software, ha esclusivamente preso parte alla recita di una parte del video. “Sono veramente euforico!” è l’incipit di un video bugiardo, carico di strategie sbagliate, destinate solo a non farvi concludere nessun affare. Sul circuito pubblicitario promosso da Profit Maximizer è finito addirittura il presidente degli Stati Uniti D’America, non che capitalista, Donald Trump. Pare che girasse in rete una fotografia di un articolo estratto dalla CNN volto a testimoniare che Trump esortava gli investitori su Profit Maximizer, ma nulla si è riscontrato più falso. La situazione ha degenerato al punto di sfruttare le immagini di personaggi pubblici. I meccanismi di ProfitMaximizer incitano un il sistema attraverso i loro video, parlando di una lacuna scoperta nel sistema finanziario. Chi non ha studiato il movimento dei  titoli azionari o i movimenti di questi ultimi, o analisi tecnica, fondamentale e quant’altro, sa la verità, ma tutti gli altri  si basano solo ed esclusivamente su una “falla presente nel sistema”. E noi dovremmo essere spettatori di questa bugia? Il sistema proposto da questi truffatori è altamente illegale, si fingono paladini della generosità, ma sono tutt’altro che benefattori.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Candele giapponesi: come sono fatte e a cosa servono?

Candele giapponesi

L’analisi attraverso lo strumento delle candele giapponesi si fa risalire alla fine del diciassettesimo secolo in Oriente, quando si utilizzavano per controllare il mercato dei cereali.