Logo del sito On Line Trading

Alcuni tra i principali Broker in opzioni binarie mettono a disposizione dei trader utenti delle loro piattaforme dei bonus – anche senza la necessità di un deposito in conto – per poter investire in trading. Ovviamente, prima di accettare qualsiasi offerta di bonus occorre verificare che il broker sia regolamentato e autorizzato, nonché leggere attentamente le condizioni e i termini di trading (il prospetto informativo). Esistono diverse tipologie di bonus, il più ricorrente è il bonus d’iscrizione o di “benvenuto”. Nella guida seguente si illustrano i bonus per opzioni binarie, il loro funzionamento e quanto siano convenienti.

Menu di navigazione dell'articolo

Bonus opzioni binarie: facciamo chiarezza

Ogni piattaforma di trading ha un diverso sistema di bonus extra che si adattano a varie tipologie di trader (principianti, neofiti, avanzati, esperi, professionisti). Molti principianti confondono il bonus con un “omaggio” per invogliare il trader a fare investimenti che poi saranno perdenti: questo è vero se, appunto, non si comprende la reale natura del bonus. Questo va, infatti inteso come una forma di incentivo all’investimento da saper adoperare nel modo giusto per riuscire a ottenere un rendimento. Altrimenti si rischia di fraintendere sia il bonus che il suo utilizzo, rimanendo delusi o – addirittura - frodati dal broker.

Il bonus in opzioni binarie – al pari di altre forme di promozione – è un incentivo offerto per invogliare a investire, come anche può esserlo un conto demo gratuito. Il bonus varia in base al deposito o capitale depositato sull’account di trading ed è diverso sia dal bonus di benvenuto che da quello offerto sul primo deposito. Il bonus viene direttamente accreditato sul conto, ma per “riscuoterlo” bisogna leggere attentamente le condizioni previste che cambiano da broker a broker. 

In linea generale, il meccanismo per riscuotere il bonus richiede al trader di effettuare prima un volume di operazioni di trading stabilito dal broker (spesso non meno di 20 operazioni). A titolo esemplificativo, se su un deposito iniziale di 250 €, il broker offre un bonus del 40% (pari a 100 € in più sul conto), prima di poterlo riscuotere occorre effettuare, per esempio 20 operazioni pari al volume del bonus, cioè 2000 €. In altre parole bisogna prima investire 2000 € (con perdite o vincite incluse) per poi ottenere 100 € in più sul conto. È la stessa logica dei buoni spesa del supermercato: ogni 25 € di spesa un buono di 5 € da ritirare alla cassa, cioè prima si effettua la spesa (che è quasi sempre ben oltre il buono da ritirare in cassa) per poi riscuotere.

Per alcuni può sembrare una truffa, per altri le formule di promozione sono una forma di marketing. Se si decide di non usare il bonus o di ritirare i soldi e chiudere il conto, il broker detrae, comunque, una somma proporzionale al bonus e alle operazioni effettuate. Anche in questo caso, sembra una truffa, ma è quello che per legge applicano le banche alla chiusura o recessione dal contratto, applicando le imposte dovute per il deposito.

Quindi, è fondamentale prima di operare nel trading, verificare e leggere attentamente tutte le condizioni così come si fa – o si dovrebbe fare – con i contratti per le aperture di conto in banca o con le assicurazioni e con qualsiasi forma contrattuale si sottoscriva, dalle utenze domestiche all’acquisto di un’autovettura.

Se il broker non offre bonus, il trader può farne richiesta purché sia consapevole di tutte le condizioni previste dalla propria piattaforma. Prima di accettare o richiedere un bonus in opzioni binarie, dunque, non bisogna dimenticare di leggere le condizioni.

Cosa sono i Bonus senza deposito in opzioni binarie?

I bonus senza deposito sono incentivi offerti senza necessità di aver un conto capitale. Tuttavia, non devono essere considerati come un “omaggio” o un regalo per invogliare al trading. Occorre sempre valutare le condizioni e le caratteristiche. Anche se si tratta di una somma di denaro offerta ai trader per la semplice sottoscrizione alla piattaforma di trading senza obbligo di depositare un capitale minimo, resta sempre da considerare il fatto che per riscuotere il buono e i profitti occorre effettuare comunque delle operazioni di trading che richiedono necessariamente un deposito minimo e un conto capitale minimo.

Altre tipologie di bonus nel trading

I bonus di benvenuto sono molto simili nella forma ai bonus senza deposito, ma diversi nella sostanza. Il bonus di benvenuto è una forma di accoglienza ai nuovi “iscritti” sulla piattaforma del broker. La condizione essenziale per riceverlo è la creazione di un conto con un deposito minimo il cui valore è stabilito dal broker. Il bonus è proporzionato al valore del primo deposito – che può corrispondere al minimo richiesto o di più. Si tratta di un bonus riservato solo ai nuovi “clienti” e, quindi, erogato e concesso una sola volta.

Il bonus sul primo deposito, invece, è erogato a chi effettua il primo deposito per fare trading indipendentemente dalla data di iscrizione. Viene offerto in corrispondenza del primo deposito ed è calcolato in percentuale in base alla somma depositata per il conto trading. Il bonus – se accettato dal trader – viene applicato solo sul primo deposito e non su tutti gli altri.

I bonus per smartphone sono quelle promozioni rivolte ai trader che preferiscono operare in mobilità e che scaricano le apposite app di trading relative alla piattaforma di brokeraggio scelta. Anche i bonus smartphone sono “spendibili” una sola volta nel momento in cui si utilizza l’app per la prima volta e si diventa trader “mobile”. Anche se la natura del bonus potrebbe essere diversa rispetto alla versione da PC, la logica sostanzialmente resta la stessa anche per le applicazioni mobili.

Un’altra formula promozionale molto diffusa è il bonus “invita un amico”. Se si riesce a convincere un conoscente a investire in trading sulla stessa piattaforma e quest’ultimo si iscrive, il trader riceve un bonus e spesso anche il nuovo arrivato viene incentivato con un bonus di benvenuto. Si tratta di una strategia di marketing volta a ampliare il mercato ed è molto frequente.

Un forma di bonus molto rara è il bonus di trading senza rischi. I broker “premiano” i trader che svolgono per la prima volta un determinato numero di operazioni (un numero fisso e stabilito dal broker) senza rischi, cioè senza registrare perdite. Ovvero, se si perde, il broker non sottrae nulla dal conto, quindi il capitale resta intero, ma se si vince il broker raddoppia la vincita. Si tratta di promozioni limitate nel tempo e nel numero di negoziazioni.

Esistono, poi, i cosiddetti bonus fedeltà erogati per i clienti di lungo corso e più fedeli. In realtà, le tipologie di bonus in opzioni binarie sono molto varie e ciascun broker determina le proprie condizioni. È pertanto fondamentale non accettare mai un bonus se prima non se ne comprende la natura, i rischi che comporta e le condizioni che ne regolano il riscatto.

Per ottenere informazioni più dettagliate sulle opzioni binarie, ti suggeriamo di leggere attentamente questi articoli:

Di seguito, invece cerchiamo di rispondere ai dubbi più frequenti tramite la sezione FAQ.

FAQ

Cos’è un bonus opzioni binarie senza deposito?

Il bonus senza deposito è un’offerta concessa a chi si iscrive e si registra sulla piattaforma di trading scelta, senza dover effettuare un deposito di capitale. A volte viene offerto in forma di “codice promozionale” da inserire in un apposito campo per riscuotere il bonus e operare nel trading gratuitamente, fermo restando che per effettuare delle negoziazioni occorre comunque versare, investire, un capitale minimo. In altre parole non si può “investire” la somma offerta dal bonus perché bisogna prima riscattarlo per poi utilizzarlo.

Perché i broker utilizzano i bonus?

Come in tutte le forme di marketing e Speculazione finanziaria, i broker usano i bonus per ampliare il proprio mercato, per coinvolgere i potenziali trader restii a investire o tentare il trading in opzioni binarie o anche per invogliare gli utenti già iscritti a riattivare i conti lasciati troppo a lungo a riposo o dormienti.

Cosa serve per ottenere un bonus senza deposito?

La prima cosa da fare è trovare un broker/piattaforma di trading in opzioni binarie che offre questa tipologia di bonus. In seguito ci si iscrive compilando i dati richiesti, si effettua la verifica del conto di trading e il via libera all’operatività e infine eseguire le condizioni previste dal contratto per ritirare il bonus. Dopo aver ritirato il bonus si può sfruttarlo per continuare a fare trading.

Quali sono i pro e i contro dei bonus in opzioni binarie?

Come in tutte le cose ci sono degli aspetti positivi e negativi dello stesso strumento. Un bonus in opzioni binarie ha sicuramente il vantaggio di permettere al trader di fare dei tentativi di trading con denaro reale, ma senza investire grandi cifre e quindi imparare a usare il denaro reale nel trading. Un altro vantaggio è realizzare un piccolo guadagno e ottenere anche un bonus ulteriore. Lo svantaggio più grande è quello di dover soddisfare prima delle condizioni per il riscatto del bonus prima di poterlo utilizzare, questo a sua volta potrebbe comportare un rischio di perdite di denaro vero che implica l’allontanamento dal trading o dal proseguire su questa forma di investimento. È evidente che il trading non è adatto a tutti i profili di investitori o risparmiatori che spesso lo capiscono solo dopo aver provato e sbagliato.

Quando si può ritirare un bonus in opzioni binarie?

Solo quando si sono completate e soddisfatte le condizioni previste per la riscossione del bonus. Ogni broker applica condizioni diverse, per cui occorre leggere attentamente i prospetti informativi del supporto scelto per il trading.

Se desideri approfondire l'argomento delle opzioni binarie, ti consigliamo di leggere anche le nostre opinioni riguardo le opzioni binarie.

Autore: Laura Perconti

Immagine di Laura Perconti

Laureata in lingue nella società dell’informazione presso l'Università di Roma Tor Vergata, Laura Perconti segue successivamente un Corso in Gestione di Impresa presso l'Università Mercatorum e un Master di I livello in economia e gestione della comunicazione e dei nuovi media presso l'Università di Roma Tor Vergata.