Il cambio Franco Svizzero/Euro è un argomento d'interesse, soprattutto per tutti gli europei che decidono di tenere i propri risparmi in Svizzera per varie agevolazioni fiscali.

“Don’t fight the Fed”. Parafrasando, “non metterti contro il sistema monetario”, questo pensano gli economisti americani riguardo ai rapporti tra le banche nazionali e il sistema dei mercati internazionali. Ma i colleghi svizzeri non sono d’accordo.

La crisi dei debiti sovrani e la SNB

Durante le crisi del 2007-2008 e del 2011, il mondo finanziario ha subito una grave crisi dovuta in parte a prestiti malgestiti, in parte a bolle speculative, e dall’America è arrivata in Europa in pochi mesi, facendo capire al mondo la pericolosità dei mercati finanziari, che in alcuni casi possono rivelarsi un’arma a doppio taglio.

Proprio in questo contesto di caos e successivo riassestamento dell’asset economico-finanziario mondiale, la Banca Centrale Svizzera (SNB) decise di uscire dai mercati valutari e ancorare il Franco svizzero all’Euro in un rapporto di 1,20 e entrando così di fatto in un sistema di cambi fissi. Attraverso un meccanismo di controllo di liquidità e acquisto di valuta estera, la Banca Centrale Svizzera intendeva difendere l’economia dalla minaccia di un apprezzamento reale del Franco svizzero e mantenere la nazione un’oasi economica nel rispetto della tradizione. La paura della banca era quella di diminuire le esportazioni, principale sostentamento economico nazionale, a causa di un valore troppo alto del Franco rispetto all’Euro.

Ma dopo esser rimasto allo stesso valore per quasi cinque anni, nel 2015 tutto cambia e dal valore ormai fisso di 1,20 la BNS è riuscita a decuplicare le riserve che da 50 miliardi del 2010 sono diventate 500 miliardi, la stessa cifra attuale.

SNB e il Quantitative Easing

Cambio franco svizzero ed euro:scopriamolo

L’avvio del Quantitative Easing della Banca Centrale Europea, guidata da Draghi, ha spinto Thomas Jordan, presidente della SNB a dichiarare la fine del pegging, ritornando sui suoi passi.

Una volta fatto ciò, il Franco si è rivalutato nei confronti dell’Euro arrivando a un rapporto Franco Euro di 1,04, ovvero ben 16 punti percentuale in meno rispetto al Franco nel sistema di cambi fissi.

Contemporaneamente, i tassi nominali gestiti dalla SNB si sono abbassati al -0,75%: ciò significa che matematicamente, chi vuole avere Franchi svizzeri, deve pagare una quota molto vicina all’1%.

Il titolo di stato decennale, invece, offre un tasso molto basso di rendimento, inferiore allo 0,035%: questo perché chi lo compra crede che il cambio tra Franco ed Euro si rivaluterà, guadagnando in termini monetari piuttosto che con il tasso vero e proprio.

Gli effetti del cambio sulla borsa

Questa variazione dei tassi di cambio e di interesse, come prevedibile, ha causato un crollo della borsa di Zurigo, che ha perso quasi il 9%. Questa conseguenza è frutto di una paura in parte ingiustificata dei mercati internazionali nei confronti della Svizzera: la forza del cambio influisce relativamente nelle esportazioni e, anzi, talvolta si è rilevata empiricamente una relazione positiva tra la forza monetaria e la quantità di esportazioni di una nazione, come nel caso di Germania, Giappone e Cina.

Cambio Franco Svizzero/Euro: previsioni future 

Oramai, è chiaro: il Franco Svizzero non è una valuta come tutte le altre: spesso, viene inserita in strategie difensive in quanto ha la nomina di “valuta rifugio”. La guerra commerciale tra USA e Cina spaventa un po’ i mercati e non sarebbe un azzardo virare su questo tipo di investimenti nel 2019. Potremmo definire il Franco svizzero come l’oro delle valute, ovvero qualcosa in cui ci si rifugia quando gli altri mercati sono instabili perché si nutre fiducia nella stabilità di quel mercato.

Il Franco svizzero non è l’unica valuta ad esser considerata una “moneta rifugio”, anche la sterlina e lo yen giapponese lo sono, nonostante il debito pubblico in questi paesi sia molto alto e si tratti di paesi in grado di contagiare interi mercati finanziari per via della loro potenza politica ed economica.

Secondo il KOF (Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo) le previsioni 2019 sull'economia della Svizzera sono, fondamentalmente, positive e questo non può che incentivare i mercati internazionali a investire, ancora una volta, sul Franco Svizzero. La crescita dell’economia svizzera nel 2019, guardando i dati storici, non è una sorpresa.

Le previsioni tra il cambio Franco/Euro nel 2019 sono intorno a una media di 1,10, con stime che variano dall’1,08 all’1,12. Ovviamente, questa stime sono da prendere con le pinze: la valutazione del Franco non è facile, in quanto dipende dalle politiche della SNB e ciò che i mercati pensano riguardo alla situazione economico-finanziaria del paese, oltre che ai fondamenti macroeconomici della Svizzera.

Per il risparmiatore che vuole investire in franchi svizzeri vi sono varie possibilità:

  • Aprire un conto corrente in Italia in franchi svizzeri prestando attenzione ai costi e al cambio;
  • Investire in obbligazioni in franchi svizzeri anche se l’andamento è negativo prestando particolare attenzione al rischio emittente e al rischio cambio;
  • Investire in ETF che replicano l’andamento della borsa svizzera;
  • Aprire un conto corrente in Svizzera che, in questo caso, vale solo per chi dispone di un certo capitale e solo se avete la possibilità di andare in Svizzera, ricordate poi di dichiarare i soldi depositati al fisco italiano, se il deposito supera i 5000 euro, infatti, si paga l’imposta di bollo.

In Italia è possibile cambiare gli euro in franchi svizzeri in qualsiasi sportello bancario, se abitate, però, in piccoli centri allora è possibile che sia necessario prenotare i franchi e tornare a prenderli.

Investire in modo consapevole in base alla variazione del cambio Franco Svizzero/Euro

L’andamento del cambio Franco Svizzero/Euro ci permette di comprendere al meglio l’imprevedibilità e la discontinuità dei mercati finanziari che, nonostante teoricamente seguano delle direzioni ben precise, all’improvviso la cambiano senza che si sappia bene come fare.
Esso può essere considerato il termometro della situazione politica ed economica mondiale soprattutto perché in momenti di crisi i flussi finanziari si dirigono verso la Svizzera, in momenti di tranquillità, invece, il franco svizzero risulta stabile.
Conoscere questa possibilità ed ammettere l’esistenza delle variazioni ci permette di attuare delle strategie che ci permettano di evitare un evento inatteso.
Per prima cosa è importante riuscire a valutare la direzione dell’andamento ed in particolare gli effetti che quest’evento ha sul portafoglio, purtroppo, però, per gli investitori poco esperti comprendere i grafici non è sempre semplice e di conseguenza non sempre si riesce a comprendere la direzione nel suo svolgimento, finendo per non dar peso all’avvenimento finché poi non è troppo tardi.
Il movimento che ha permesso alla Svizzera di “dar forma” all’Europa è iniziato a giugno 2014 e ancora oggi non si è arrestato, la direzione è rimasta la stessa e per questo risulta essere più semplice fidarsi.

Come cambiare la moneta nel 2020

Il Franco Svizzero è una moneta a noi molto vicina, infatti fortunatamente nel caso in cui dovessimo andare in svizzera nel 2020, sicuramente non avremmo neanche bisogno di effettuare il cambio Franco Svizzero/Euro, inquanto la maggior parte delle attività, soprattutto al confine accetta entrambe le monete. Ovviamente se siete in vacanza potete arrangiarvi cos, oppure se volete essere sicuri al 100% potete provvedere ad effettuare il cambio Franco Svizzero/Euro presso gli sportelli appositi oppure direttamente allo sportello ATM della banca.

Le tasse di cambio non sono eccessivamente alte per fortuna e possono variare in base al luogo in cui decidete di fare il cambio Franco Svizzero/Euro.

Nel 2020 fortunatamente non sarete obbligati ad effettuare il cambio, ma sicuramente la strategia più comoda sarà quella di portare pochi contanti con voi, che accetteranno sicuramente anche senza cambio, per poi prelevare in moneta locale una volta che siete li.

Negli ultimi anni, il cambio Franco Svizzero/Euro non ha subito grandi cambiamenti.

Quando devo fare il cambio Franco Svezzero/Euro?

La domanda che molti si pongono è: quando devo effettuare il cambio Franco Svizzero/Euro? Devo provvedere in Italia o una volta lì?

Non c’è una risposta precisa a questa domanda, il nostro consiglio è quello di informarmi sui costi per quanto riguarda i tassi di cambio Franco Svizzero/Euro. Questi ultimi, infatti, sono estremamente variabili e sicuramente vi conviene reperire informazioni a proposito qualche giorno prima della partenza, in modo da poter effettuare il cambio in Italia nel caso in cui il costo fossero più bassi.

In caso contrario potrete aspettare tranquillamente il vostro arrivo e cambiare i soldi con calma durante il soggiorno, oppure come già accennato prima, potete informarvi se la vostra banca prevede il cambio Cambio Franco Svizzero/Euro ritirando il denaro all’ATM di una banca locale.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group